Le 10 cause più frequenti di fallimento per una startup

La ricetta del successo non esiste, ma è possibile capire cosa è meglio evitare studiando gli errori passati

  Partendo dalle testimonianze di un gruppo di 32 imprenditori con esperienze negative alle spalle, Chubby Brain ha stilato la nota classifica delle più frequenti cause di fallimento delle startup.

Proviamo sinteticamente a rivederla anche per chi non la conosce ancora.

10 "Poor Product"(16%)

Spesso si parte dal prodotto, pensando di avere tra le mani qualcosa destinato a "spaccare". Si lavora per giorni, mesi, anni. Ma può capitare che al momento del suo lancio nel mercato il risultato finale sia ben diverso dalle aspettative. Il prodotto a cui abbiamo pensato e' davvero adatto al bisogno che volevamo soddisfare?

9 "Failure to Pivot" (19%)

Le scelte di pivoting devono essere ben pensate. Se si sbagliano i tempi o peggio ancora, si corregge un errore per farne altri peggiori, tutti i tentativi di non affondare non fanno altro che moltiplicare l'effetto del fallimento.

"Lack passion" (19%)

Per iniziare ad ottenere i primi guadagni della nostra attività, potrebbe trascorrere molto tempo. Durante questo periodo l'unica spinta che ci fa andare avanti e' sapere che si sta facendo qualcosa in cui crediamo fortemente. Se la passione scema, al contrario, non e' facile mantenere alto il ritmo di lavoro e si rischia così di rovinare tutto.

7 "Product mis-timed" (20%)

Le scelte sul momento in cui lanciare un prodotto sono fondamentali: occorre sempre fare attenzione a ciò che mostriamo al pubblico. Un prototipo ancora troppo acerbo rischia di trasmettere un'immagine errata del nostro lavoro, scoraggiando i futuri clienti. Allo stesso modo, se aspettiamo troppo per avere un prodotto completo, rischiamo di "perdere l'attimo" in cui la nostra idea avrebbe davvero successo.

6 "Need Business model" (25%)

Esistono esempi fortunati, tra quelli più famosi, che inizialmente hanno ignorato il Biz Model. Si tratta di casi isolati, certo, perche' in generale e' importante stabilire il modello teorico dal quale partire, soprattutto per il confronto con gli investitori, che in quel modo possono capire subito se hanno a che fare con un team organizzato e dalle idee chiare.

5 "Run out of cash" (25%)

E' ovvio, senza soldi non si fa molto! Se non troviamo in alcun modo finanziamenti per iniziare o continuare la nostra attività, meglio farci delle domande, probabilmente la risposta giusta e' proprio contenuta in questa classifica. Prima di dare la colpa del nostro fallimento alla mancanza di fondi, il consiglio e' proprio chiedersi: perche' non ho soldi? e riflettere su come superare davvero l'ostacolo.

4 "Poor marketing" (28%)

Nonostante molti ritengano che un buon prodotto non ne abbia bisogno, saper "vendere" e' tra le tecniche fondamentali per il successo dell'impresa. Eppure il 28% degli intervistati di questo studio ha ammesso di aver sottovalutato il ruolo della comunicazione.


3 "Not right the team" (30%)

Un'impresa e' fatta di persone e se le persone tra di loro non stanno bene, e' difficile andare avanti e ottenere buoni risultati.
Lavorare in una startup ci porta a stare a stretto contatto con altri individui per molto tempo ed e' fonda